Concerto a Zorzino Cantus Terrae: voci bianche conquistano il pubblico
2310
post-template-default,single,single-post,postid-2310,single-format-video,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Voci Bianche di Tavernola in Concerto a Zorzino

Voci Bianche di Tavernola in Concerto a Zorzino


Concerto a Zorzino: Cantus Terrae

Lo scorso sabato 25 Giugno 2017 i bambini e i ragazzi della Corale Santa Cecilia si sono esibiti in concerto presso la parrocchiale di Zorzino.

Cantus Terrae, un concerto accattivante, che pensiamo già di sviluppare e riproporre, nasce dalla fusione del canto con alcuni testi tratti dal libro “Il canto della civetta” di Anna Folena, da noi rielaborati per l’occasione.

Il tema del concerto, che si snoda tra musica e racconti, vede la Terra osservata da vari punti di vista. Attraverso questi sguardi, le parole svelano e ricordano i significati più profondi dell’esistenza, che culminano nel canto finale.

L’esecuzione dei pezzi è stata arricchita dall’alternanza di coro e solisti, dai gesti, dall’accompagnamento di pianoforte, flauti etnici, tamburo, tubi sonori e violoncello.

Per l’occasione un nuovo brano si è aggiunto al nutrito repertorioLaude Novella di Anonimo medioevale.

Oltre all’amico Angelo Mazzù, in questa serata per la prima volta si è unito agli strumentisti Filippo Foresti, con cui ci auguriamo di continuare a collaborare per futuri concerti.

Un grandissimo ringraziamento al parroco don Lorenzo Micheli, che ha accolto il coro dei piccoli con entusiasmo e disponibilità, e a tutti quanti hanno contribuito e partecipato con calore alla serata.

[layerslider id=”2″]