corso di tecnica vocale

Corso di Tecnica Vocale – Pelucchi


Il Corso di Tecnica Vocale promosso dall’Associazione il Romanico nel Basso Sebino ha avuto inizio nella giornata di sabato 22 febbraio, presso la sede di Villongo. Numerosi i coristi provenienti dalle varie Associazioni Corali del Sebino e dintorni, che hanno deciso di aderire alla proposta, per un totale di 115 partecipanti. Il corso di tecnica vocale, articolato in 5 incontri, è tenuto dal maestro Pierangelo Pelucchi, in collaborazione con alcuni maestri delle corali. La Corale Santa Cecilia partecipa con 17 elementi.

APPUNTI dal Corso di TECNICA VOCALE

  • Respirazione diaframmatica

  1. Sdraiati supini, rilassati, una mano appoggiata sul ventre, respiriamo tranquillamente osservando le escursioni addominali; espiriamo dalla bocca lentamente fino a svuotare completamente i polmoni, quindi inspiriamo dal naso altrettanto lentamente facendo attenzione che solo l’addome si “gonfi”.  Ad ogni atto respiratorio contiamo mentalmente cercando di prolungare il più possibile la durata della nostra espirazione/inspirazione; partiamo da un minimo di 10 secondi, ripetendo l’esercizio con costanza cerchiamo di aumentare questo intervallo di tempo.
  2. Lo stesso esercizio può essere eseguito in stazione eretta, facendo attenzione a non coinvolgere la respirazione toracica, le spalle restano abbassate !
  • Vocalizzi

Così come l’atleta non inizia una gara senza riscaldamento, così il cantante non può iniziare la sua performance vocale senza aver opportunamente preparato le sue corde. Dopo una prima fare di rilassamento e di preparazione con gli esercizi di respirazione si possono eseguire i vocalizzi.

  1. Vocalizzo sulle 5 vocali IUOAE: questa sequenza vocalica ci aiuta a passare gradualmente da una vocale all’altra e ad aprire lo spazio faringeo; nota bene la vocale “O” nel vocalizzo deve essere sempre pronunciata aperta
  2. Vocalizzi a tre e quattro note: vanno sempre eseguiti in senso ascendente e discendente, la voce infatti va riscaldata ma anche “defatigata”
  • Preparazione dell’Attacco

  1. Prima che il maestro dia l’attacco del brano iniziare con una espirazione profonda in modo da svuotare completamente i polmoni ed essere pronti per una inspirazione efficace
  • Preparazione al Forte

  1. L’esecuzione del Forte richiede una preparazione muscolare che può essere ottenuta tramite un esercizio di espirazione forzata. Espirate profondamente e lentamente fino a svuotare i polmoni; inspirate lentamente fino a riempire completamente i polmoni; eseguite una espirazione forzata, rapida (2-3 sec), cercando di buttar fuori il più velocemente possibile tutta l’aria che avete; quando avete eseguito la fase rapida di questa espirazione, cercate di prolungarla facendo forza con i muscoli addominali, noterete che c’è ancora dell’aria nei vostri polmoni! Ripete l’esercizio più volte.
  • Piano, Crescendo, Decrescendo, Pianissimo

Ricordate che “pp” non sta per Pierangelo Pelucchi… (P.Pelucchi)

  1. Per allenarsi sul piano e pianissimo, può essere utile proporre un vocalizzo con lo schema piano-crescendo-decrescendo-pianissimo. Per aiutarsi ad eseguire in maniera graduale il crescendo-decrescendo scomponiamo il vocalizzo in frazioni temporali (basterà contare mentalmente), ad ogni frazione immaginiamo di  “alzare o abbassare il volume” di una tacca.

PIERANGELO PELUCCHI

PierAngelo Pelucchi, diplomato in Pianoforte, Musica Corale e Direzione di Coro, Composizione, Direzione d’Orchestra, Canto didattico, Canto artistico, Strumentazione per Banda e Clavicembalo. Per la direzione d’orchestra ha compiuto studi accademici presso il Mozarteum di Salisburgo e presso la Musikhochschule di Vienna. È titolare della cattedra di Armonia complementare al Conservatorio “Jacopo Tomadini” di Udine e tiene master relativi alla «Direzione e all’interpretazione dell’opera italiana del Settecento e del primo Ottocento» presso il Conservatorio di Siviglia e la Musikhochschule di Mannheim. Accademico dell’Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di Bergamo, riveste il ruolo di Consigliere della Fondazione Donizetti di Bergamo e della Internationale Mayr’s Gesellschaft di Ingolstadt; è collaboratore della Donizetti Society di Londra e della Donizetti Verein di Vienna. 

(Ulteriori informazioni QUI)