Estensione vocale - Calcola la tua estensione vocale
155
post-template-default,single,single-post,postid-155,single-format-standard,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,vss_width_768,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
estensione vocale

Estensione vocale


Come si misura l’estensione vocale

L’estensione vocale si misura in relazione alla tastiera del pianoforte. Il pianoforte ha 8 ottave ed ogni ottava è numerata per poterle riconoscere.

Il do centrale del pianoforte è il do 3 (il tasto giallo corrisponde al do centrale)

do centrale

Posizione del DO centrale in una tastiera da 88 tasti

L’espressione do centrale indica il do corrispondente al tasto centrale di una tastiera o un pianoforte a 88 tasti, o C4 secondo la notazione scientifica dell’altezza. Viene indicato come do3, poiché la numerazione delle ottave secondo il sistema in uso nei paesi sud-europei inizia dal la-1, e, a seguire, le ottave 0, 1, 2 e la centrale 3.


Qui c’è un bello schema con la notazione europea, americana e relative frequenze, per non confondersi più!


CALCOLA LA TUA ESTENSIONE VOCALE

CON IL NOSTRO PIANOFORTE INTERATTIVO


Anche se la capacità della laringe di emissione del suono supera ampiamente tale limite, l’estensione vocale musicalmente utile è in media di due ottave. Nelle voci non educate si osserva spesso l’impossibilità di passare al registro superiore e l’estensione risulta quindi più limitata (in media una decina di note).




Nell’opera due considerazioni sono importantissime nel valutare l’intervallo vocale: la consistenza del timbro vocale e la capacità di produrre degli acuti, che siano capaci di essere chiaramente uditi, al di sopra del suono dell’orchestra, senza alcuna amplificazione.

estensione vocale registriLa musica corale è molto meno impegnativa. Contrariamente a quanto succede nell’opera, la massa dei cantanti rende meno importante che tutti gli esecutori debbano raggiungere le note più alte/basse con qualità cristallina. Per esempio i cori possono cantare delle note che sono più basse di quelle ottenute dai solisti. Nessun cantore riesce a riprodurre quelle note in modo che possano esser percepite, ma il coro nel suo complesso fa si che le stesse risultino udibili.