Gaudete Christus est natus - SATB spartito lyrics
120
post-template-default,single,single-post,postid-120,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Gaudete Christus est natus (Anonimo)

gaudete christus est natus

Gaudete Christus est natus (Anonimo)


Gaudete Christus est natus è un mottetto medioevale di autore anonimo, giunto fino ai nostri giorni grazie alla raccolta Piae Cantiones.

Gaudete Christus est natus: Piae Cantiones, un tesoretto di canzoni medioevali

Nel 1582, Theodoricus Petri, uno studente dell’università di Rostock, compilò una raccolta di 74 canzoni in latino, liturgiche e scolastiche, con l’intenzione di preservare alcuni antichi inni della sua terra natale. Il rettore della Turku Cathedral School, Jaakko Finne, ne pubblicò la prima prima edizione a Greifswald, Svezia.

La raccolta Piae Cantiones, sarebbe divenuta una risorsa per gli studenti che partecipavano al servizio religioso nelle loro scuole e un’ottima pratica per lo studio del canto. La collezione raccoglie brani medioevali di Finlandia, Svezia e altri paesi europei, ed è uno dei maggiori tesori musicali della Finlandia, che dimostra il legame tra questa nazione e gli altri centri culturali europei del medioevo.

Si ritiene che circa metà dei pezzi abbiano origini finlandesi, poiché non ne sono state trovate tracce in altre fonti; altri brani provengono da Francia, Inghilterra, Germania e Boemia. Secondo l’Oxford Book of Carols, “Le canzoni fiorirono nella chiesa riformata di Svezia e Finlandia, e venivano ancora cantate nelle scuole svedesi nel 1700, e in Finlandia fino al tardo diciannovesimo secolo”.

Il fatto che la raccolta sia stata redatta da uno studente finlandese cattolico e pubblicata da uno svedese luterano è degno di nota. Questo tipo di cooperazione tra dottrine differenti era certamente rara all’epoca, tuttavia alcuni dei testi furono rivisti dall’editore, nel tentativo di adattarne i contenuti all’ortodossia luterana.

Sebbene popolare nei paesi scandinavi, questo volume restò a lungo sconosciuto nel resto d’Europa. Solo nel 1853 una copia di Piae Cantiones giunse nelle mani del Rev. John Mason Neale, Warden del Sackville College, East Grinstead, Sussex. Neale tradusse alcuni dei carol e inni e li pubblicò nelle raccolte Carols for Christmas-tide e Carols for Easter-tide.

In seguito furono redatte molteplici edizioni di Piae Cantiones. Molte di queste ri-edizioni si resero necessarie al fine di ripristinare la lirica e metrica originale, in quanto l’edizione di Finne, nel tentativo di eliminare i riferimenti cattolici, rimpiazzando ogni riferimento alla Vergine Maria, aveva prodotto dei danni.


Gaudete Christus est natus lyrics: il testo

Gaudete! gaudete! Christus est natus ex Maria virgine, gaudete! Tempus adest gratiae, hoc quod optabamus; carmina laetitiae devote reddamus. Gaudete! gaudete! Christus est natus ex Maria virgine, gaudete! Deus homo factus est, natura mirante; mundus renovatus est a Christo regnante. Gaudete! gaudete! Christus est natus ex Maria virgine, gaudete! Ezechielis porta clausa per transitur; unde lux est orta, salus invenitur. Gaudete! gaudete! Christus est natus ex Maria virgine, gaudete! Ergo nostra contio psallat iam in lustro; Benedicat Domino; salus regi nostro. Gaudete! gaudete! Christus est natus ex Maria virgine, gaudete!


Gaudete Christus est natus: lo spartito SATB