missa-criolla

Misa Criolla (Ariel Ramirez)

Misa Criolla: la composizione

Pianista e compositore argentino, Ariel Ramírez ha scritto la sua opera “Misa Criolla” (Messa Creola) nei primi anni sessanta.

Dopo la seconda guerra mondiale, Ramírez lasciò la carriera di insegnante per eseguire musica in Europa, ed un incontro con un gruppo di suore nel sud della Germania lo portò a contemplare la scrittura di un pezzo spirituale che si è evoluto nella Misa Criolla. La canzone era un omaggio alla dignità umana, al coraggio e alla libertà, un messaggio distinto di amore cristiano.

Sentivo che dovevo scrivere qualcosa di profondo e religioso che rendesse onore alla vita e coinvolgesse le persone oltre il loro credo, razza, colore od origine (Ramirez)

Misa Criolla è considerata una composizione artistica sorprendente, in cui le melodie di Ramirez si combinano con temi e ritmi tradizionali argentini e dell’America Latina. Strumenti e motivi indigeni conferiscono un effetto di carnevale riverente. Il testo basato su uno scritto castigliano, è stato approvato nel 1963 dalla Commissione Liturgica per L’America Latina (dopo che il Concilio Vaticano II aveva iniziato a consentire la celebrazione della messa in lingua volgare).

L’organico, nelle intenzioni dell’autore, prevede una o due voci soliste, un coro a voci miste di almeno 40 elementi, un pianoforte, charango, quenas, siku e percussioni tradizionali. La prima registrazione, realizzata a Buenos Aires nel 1964, ha avuto un successo inatteso: oltre tre milioni le copie vendute. Il disco è stato distribuito in quaranta paesi.   La prima esecuzione pubblica ha avuto luogo il 12 marzo del 1967 alla Rheinhalle di Düsseldorf. Da allora la missa è stata eseguita innumerevoli volte in tutto il mondo da artisti del calibro di José Carreras e Mercedes Sosa.

A completare l’opera della missa si sono poi aggiunti i brani del Navidad Nuestra.

Misa Criolla: lo stile 

Il kyrie di apertura è nel ritmo della vidala-baguala. Questa musica caratteristica del nord dell’ Argentina, trasmette il senso di solitudine che si vive nell’altipiano deserto. Il ritmo del Gloria, carnavalito, evoca il senso di gioia condivisa implicita in questa parte della messa. Le due sezioni del Gloria sono separate da un recitativo (Yaravì) che rende la cadenza del carnavalito più brillante quando esso riprende con l’accompagnamento ritmico al completo. La chacerera trunca, un tema popolare dell’Argentina centrale, è la base del Credo. il suo ritmo ossessivo accentua la professione di fede e la sezione si conclude con le parole finali della preghiera che riaffermano il trionfo della vita eterna. Uno dei più belli ed insoliti ritmi della Bolivia, il carnaval cochabambino, è usato nel Santus. L’AgnusDei è scritto nel tipico stile della pampa (estilo pampeano): come nel kyrie si crea un’atmosfera di solitudine e distanza; un semplice recitativo esprime l’attesa universale della pace.

Misa criolla: ascolta i brani mp3 per voce singola

KYRIE


GLORIA


CREDO


SANCTUS


AGNUS DEI


Segui il link per scaricare lo spartito del Kyrie – GloriaMissa criolla (SATB)