Papa Benedetto XVI: Il canto sacro è parte necessaria della liturgia solenne - Tavernola in Canto
171
post-template-default,single,single-post,postid-171,single-format-standard,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,vss_width_768,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Papa Benedetto XVI: Il canto sacro è parte necessaria della liturgia solenne


Nel suo ultimo incontro con i 5000 cantori dell’Associazione Italiana Santa Cecilia, Benedetto XVI, in occasione dell’Anno della Fede da poco inaugurato, ha voluto sottolineare ancora una volta quanto la musica sacra possa favorire la fede e cooperare alla nuova evangelizzazione.

Papa Benedetto ha ricordato come la fede nasca dall’ascolto della Parola di Dio e come la musica, e soprattutto il canto, possono conferire ai salmi e ai cantici biblici una maggiore forza comunicativa. Il canto sacro, unito alle parole, è parte necessaria ed integrante della liturgia solenne. Non per motivi estetici, ma perché coopera, proprio per la sua bellezza, a nutrire ed esprimere la fede, e quindi alla gloria di Dio e alla santificazione dei fedeli. La musica non è un accessorio o solo un abbellimento esteriore della liturgia, ma è essa stessa liturgia. I cantori aiutano l’Assemblea a lodare Dio, a far scendere nel profondo del cuore la sua Parola: con il canto si prega e si fa pregare.

Il pontefice ha voluto ricordare anche il rapporto tra il canto sacro e l’evangelizzazione. La musica sacra ha il compito rilevante di favorire la riscoperta di Dio, l’accostamento al messaggio cristiano e ai misteri della fede. Quante persone nei secoli sono state toccate nel profondo dell’animo ascoltando la musica sacra, quanti si sono sentiti nuovamente attirati verso Dio dalla bellezza della musica liturgica! Per questo motivo Papa Benedetto ha invitato tutti all’impegno nel migliorare la qualità del canto liturgico, a recuperare e valorizzare la grande tradizione musicale della Chiesa, indicando nel gregoriano e nella polifonia le espressioni più alte. Ha infine sottolineato che la partecipazione attiva dell’assemblea alla liturgia non consiste solo nel parlare, ma anche nell’ascoltare, nell’accogliere con i sensi e con lo spirito la Parola, e chi ha il dono del canto può far cantare il cuore di tante persone.

dal DISCORSO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI AI PARTECIPANTI ALL’INCONTRO PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE ITALIANA SANTA CECILIA (Sabato, 10 novembre 2012)