Psallite unigenito (M. Praetorius) - Tavernola in Canto
115
post-template-default,single,single-post,postid-115,single-format-audio,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Psallite unigenito (M. Praetorius)

Psallite unigenito (M. Praetorius)


Psallite unigenito – Il brano

Il testo Psallite unigenito è un componimento in stile “maccaronico”. In altre parole, l’autore per il brano utilizza ben due lingue diverse.

Il ritornello del carol, “Psallite unigenito Christo Dei filio”, è scritto in latino. L’espressione potrebbe derivare da una precedente melodia natalizia popolare. Dopo una breve apertura, Praetorius imposta il testo di lode al Figlio di Dio, che giace nella mangiatoia, con una texture omofonica esuberante e unificata.

Intercalati sono due versi in lingua tedesca volgare. Il primo descrive gli angeli che adorano presso la “piccola culla,” con i passaggi rapidi della melodia tra duetti vocali. La seconda strofa, come la prima, è in tedesco stretto, con parole che terminano in “-lein”, come il “piccolo figlio” nella sua “piccola culla”. Ancora una volta, il compositore utilizza una texture più sottile per il verso, in contrasto con la natura unitaria del ritornello.

Non appena il testo procede con il canto degli angeli, la musica torna al ritornello di lode a quattro voci.

Potrebbe interessarti anche  Navidad Nuestra - A.Ramirez

Psallite unigenito – L’autore

Con la Riforma luterana il messaggio evangelico e la liturgia stessa iniziarono ad essere diffusi nella lingua parlata dal popolo: la messa fu tradotta dal latino in tedesco, e generazioni di compositori iniziarono a dedicarsi alla produzione di un ampio corpo di musica sacra in lingua tedesca.

Uno dei più prolifici in questo senso fu Michael Praetorius, figlio di un pastore luterano. La produzione del musicista ha lasciato ai posteri un consistente patrimonio di musica sacra. L’autore possedeva una particolare predilezione per composizioni incentrate sul periodo dell’Avvento e sulla Musica Natalizia.

La sua impostazione a quattro voci del brano Psallite unigenito gode oggi di una recente rinascita.


 Ascolta gli mp3 con le voci singole


Psallite unigenito: Spartito SATB