Valcamoningospel in Sintesi - Tavernola in Canto
175
post-template-default,single,single-post,postid-175,single-format-standard,qode-news-1.0.2,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,vss_width_768,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Valcamoningospel in Sintesi


[:it]

A distanza di un mese possiamo finalmente mostrarvi una sintesi in immagini e musica di quello che è stato il primo Valcamoningospel, al quale hanno preso parte anche alcuni coristi della Corale Santa Cecilia. Il corso in due giornate si è svolto il 29-30 settembre presso l’Eremo di Bienno ed è nato per iniziativa del gruppo Hope Singers, che ha deciso di condividere  questa esperienza di approfondimento musicale anche con partecipanti esterni.

A guidarci nel workshop Nehemiah H. Brown, cantante, pianista, compositore, arrangiatore, direttore, insegnante di canto e tecnica vocale, nonché fondatore della prima scuola di musica e cultura Afro-Americana “The Florence Gospel Choir School” di Firenze. A coadiuvarlo, Josie Saint’Aimee e Rossana Bonvento.

Gospel! Il gospel è musica di vita, di gioia, di rapporto con il Signore. Storicamente è l’evoluzione degli Spirituals, che sono i primi canti religiosi degli schiavi in America, e parla della gioia della liberazione dello spirito e del corpo della persona. Sottofondo di tutto è il movimento. [..] Si canta con uno strumento che è tutto il corpo.  (Nehemiah H. Brown)

La gioia si esprime tantissimo nel Gospel [..] per ringraziare ogni giorno il Signore di quello che abbiamo ricevuto. (Rossana Bonvento)

Per chi come noi viene da un percorso differente, abituato alla vocalità della musica sacra della tradizione europea, provare a cimentarsi col Gospel è stata una bella scoperta! Ha significato soprattutto imparare ad esprimersi in un nuovo modo, fatto di voce di petto, una minore rigidità dei ruoli vocali, improvvisazione, movimento e gestualità.  La valorizzazione del corpo come strumento unitario nell’espressione vocale arricchisce il canto di significato, aiuta nell’apprendimento del testo ed accresce il coinvolgimento emotivo di cantori e pubblico. Il Gospel parla un linguaggio musicale più semplice, flessibile e meno strutturato, e per questo consente al corista una grande libertà!

[:]